Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Nota della FIKBMS

images/large/NEWS_SITO_NUOVO.jpg

Domenica 1 dicembre 2019 si è svolta a Milano, presso il Teatro Principe, la fase finale del Torneo Superfighter, un evento organizzato da Stefano Stradella e griffato Leone 1947.

Al di là degli aspetti organizzativi, come sempre impeccabili, la Federazione vuole esprimere la sua opinione riguardo le esternazioni di qualche Tecnico effettuate nella stessa struttura milanese e, successivamente, sui social.

Nel mondo dello sport agonistico, indipendentemente dalla specialità, più un evento è importante a livello mediatico e di prestigio, maggiore è l'adrenalina che scorre in tutti gli addetti ai lavori ed in tutti i tifosi.

L'errore umano è sempre antipatico ma deve essere contemplato ed accettato.

Perfino negli sport con budget mondiali a 9 zeri i responsabili sono sempre costretti a confrontarsi col fattore umano e questo rimarrà immutato nel tempo.

Il mondo degli sport da combattimento non esula da questa legge, triste ma inesorabile.

Ciò che invece non deve essere mai contemplato, né tantomeno accettato, è la malafede nell'esprimere un giudizio. Fikbms da questo punto di vista garantisce che possibili errori palesati nella serata di cui stiamo raccontando non hanno nulla a che vedere con fantomatici complotti e fantasiose teorie su presunti favoritismi nei riguardi di qualche atleta ai danni di altri in modo sleale e truffaldino.

Per la Federazione ed i suoi componenti esisterà sempre e solo un angolo rosso ed un angolo blu, senza preoccuparsi delle differenze tra ASD di provenienza, atleti, tecnici o altre situazioni collegate.

In sintesi, l'errore umano va sicuramente contemplato, ridotto e combattuto e quanti ne dovessero eventualmente incappare vanno di certo richiamati ma anche supportati e corretti al fine di poterli fare crescere ulteriormente, così da renderli sempre migliori e massimamente affidabili in quell’attività che, con enorme impegno, passione e sacrificio, anch'essi, come gli stessi atleti, svolgono.

Per concludere, desideriamo invitare tutti gli addetti ai lavori ed i supporters a considerare in ogni evento, oltre agli aspetti “critici”, anche e soprattutto quelli positivi che sono sempre maggiori e recano enormi vantaggi a tutto il nostro movimento ed alle discipline che tutti noi amiamo da sempre in modo incondizionato.