Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Discipline

La Shoot Boxe nasce ngli anni 1982 come espressione sportiva del ju jitsu.

Il nome era allora “KICK JITSU”, nelle versioni a leggero contatto e a pieno contatto. Successivamente la versione a pieno contatto prese il nome di SHOOT BOXE. La peculiaretà della disciplina consiste nella completezza: sono ammesse tecniche di percussione, di atterramento, di lotta a terra e di finalizzazione. Pioniere della disciplina Patrizio Rizzoli, attuale Coordinatore Nazionale di settore e Vicepresidente della W.M.M.A.F. Federazione mondiale di riferimento.

 

KICK JITSU

A partire dai 10 anni. E’ una moderna e completa forma di combattimento sportivo dove non è ammesso il K.O. Grazie alla possibilità di utilizzare tecniche di percussione, di proiezione, immobilizzazione e finalizzazione può considerarsi punto d’incontro tra le varie arti marziali e sport da combattimento a leggero contatto.

Si tratta quindi di un combattimento ben definito e regolato nel quale l’atleta puo’ misurarsi su un vasto campo di tecniche e strategie, sempre nel rispetto dell’avversario e nella completa incolumità personale.

 

SHOOT BOXE

E’ una moderna e completa forma di combattimento sportivo a pieno contatto. Grazie alla possibilità di utilizzare tecniche di percussione, di proiezione, immobilizzazione e finalizzazione può considerarsi punto d’incontro tra le varie arti marziali e sport da combattimento dove è ammesso il K.O.

Si tratta quindi di un combattimento ben definito e regolato nel quale l’atleta può misurarsi su un vasto campo di tecniche e strategie, sempre nel rispetto dell’avversario e nella massima salvaguardia dell'incolumità personale.

 

GROUND AND POUND

La forma sportiva di combattimento più vicina alla Difesa Personale.Comprende l’ uso delle percussioni anche durante il combattimento a terra. Max tre colpi a segno decretano lo stop da parte dell’ arbitro sempre per garantire la salvaguardia degli atleti.